Palazzo Angelo Giovanni Spinola

Via Garibaldi, 5

Questo palazzo fu costruito alla fine del 1500 grazie ad Angelo Giovanni Spinola, ambasciatore della Repubblica di Genova in Spagna e banchiere dell’Imperatore Carlo V d’Asburgo, ma fu completato dopo molti anni dopo grazie al figlio Giulio. Quest’ultimo fece dei miglioramenti, che permisero l’ampliamento del cortile e del giardino. Il progetto fu realizzato da Giovanni Ponzello, architetto imperiese.


Gli spazi interni della dimora sono visitabili su appuntamento. Sono presenti degli affreschi raffiguranti le gesta di Alessandro Magno (salone del piano nobile), e scene di battaglia a cui parteciparono gli stessi membri della famiglia (tra le quali spiccano lo Schieramento navale per la battaglia di Lepanto e la Presa delle isole Terceras) ed episodi di storia romana (Trionfo di Ottaviano e Storie di Cleopatra).

Il palazzo fu inserito nel sistema dei Rolli già nel 1576, ed è rimasto in mano agli Spinola fino al 1919, passando poi al Crédit Commercial de France e alla Banca d’America, mentre dal 1930 e fino a pochi anni fa l’edificio ha ospitato il Circolo Tunnel. Palazzo Angelo Giovanni Spinola, che fa parte dei 42 Rolli Genovesi è Patrimonio dell’Umanità Unesco.

il Castello di Torriglia, gioiello verde nell’entroterra

Visitare posti sconosciuti, conoscere la loro storia vuol dire riviverla, raccontarla vuol dire continuare a farli vivere.

…e oggi voglio raccontarvi la storia del Castello dei Fieschi a Torriglia

Il castello di Torriglia si trova in località Colomba, nella parte alta di Torriglia, ed era un edificio difensivo e una dimora nobiliare. Qui si amministrava la giustizia dell’intero feudo, si provvedeva agli interrogatori, alla tortura ed all’esecuzione delle pene corporali previste dallo Statuto. Era anche provvisto di carceri collocate nella torre. C’erano poi molte stanze, cucine, magazzini e una Cappella dedicata a N.S. Signora della Neve. Purtroppo venne distrutto intorno alla metà del 1800 dalle truppe francesi. Solo nel 1896 i suoi ruderi furono dichiarati monumento nazionale dal Regio Ufficio di Storia e Arte. Recentemente è stato oggetto di alcuni lavori di restauro per la messa in sicurezza e per la rivalutazione a testimonianza storico-culturale.

La storia del Castello

Il Castello è stato eretto intorno all’anno 1000, e nel 1180 lo comprarono i Malaspina che lo tennero fino al 1250, fino a quando passo alla famiglia dei Fieschi. Alla fine del 1500 la proprietà passó alla famiglia Doria, che creò prima un marchesato e poi un principato indipendente che lo mantennero fino al 1799, quando fu assalito e distrutto dagli abitanti di Torriglia. Abbandonato dopo la soppressione dei feudi imperiali, il castello cadde in rovina e diventó presto un rudere. Il maniero fu tuttavia protagonista nella seconda guerra mondiale in quanto fu utilizzato come rifugio e punto di osservazione dalla bande partigiane nella lotta alla Resistenza.

Come arrivare al Castello

Se volete andare al Castello in macchina, ci vorrà circa un’ora. Dopo Bargagli, prendete l’uscita SS45 fino all’uscita verso Torriglia, poi seguite le indicazioni l’SP62. Lasciate la macchina in paese e salite a piedi in una stradina dalla parte opposta della banca Carige. Ci vorranno all’incirca 5 minuti.

Segnaliamo che al momento il Castello non è visitabile ed è chiuso al pubblico.

Francesca Massano

Francesca, Made in Liguria dal 1994.
appassionata di viaggi e di fotografia.
La sua passione per i viaggi l’ha portata a laurearsi in scienze del turismo e valorizzazione dei beni culturali.
Attraverso le sue fotografie cerca di far conoscere il più possibile la bellezza della sua regione.

Enrica Sonaglio

Enrica, da tutti detta Chicca, è genovese e innamorata della sua città. Del resto Genova si ama o si odia, non sono previste mezze misure. Ma come si fa a non innamorarsi, quando c’è tutto a portata di mano? Mare, monti, centro storico, focaccia, pesto e pandolce?
E sempre alla ricerca di angoli nascosti, tutti da scoprire, scorci inaspettati, senza dimenticare di tirare ogni tanto il naso in su, perché la nostra città va esplorata in tutte le direzioni!

Le sue più grandi passioni sono:
• i viaggi, possibilmente dall’altra parte del mondo, scoprendo culture e paesaggi diversi dai nostri, ma sempre con gli occhi del viaggiatore. Anche due passi nel proprio quartiere possono portarti a esplorare e conoscere posti nuovi e inaspettati.
• la fotografia, indissolubilmente legata ai miei viaggi: sono assolutamente una paesagista, ma mi piacerebbe migliorare anche nei ritratti.
• la musica, i concerti. Ogni viaggio che si rispetti ha bisogno della sua colonna sonora!
• il buon cibo, in buona compagnia. I miei pasti preferiti sono la colazione e l’aperitivo!
• il mare

Sono diventata da poco mamma: riuscirò a trasmettere le mie passioni al mio bimbo? A 20 giorni l’ha già portato in Svizzera… quindi direi che è sulla buona strada.

Claudia Alcaro

Genovese, appassionata di letteratura arte e fotografia.
Ha iniziato a scattare foto fin da bambina con le macchine usa e getta per poi passare durante la sua adolescenza alla digitale.
Ama da morire conoscere posti nuovi da visitare.

Vuoi scrivere articoli per laMiaGenova?

Tutto quello che scriviamo é perché l’abbiamo provato sulla nostra pelle. Mostre, musei, ristoranti, negozi… sono posti che abbiamo visitato e che ci sono piaciuti così tanto da scrivere su di loro.

Ecco perché siamo alla ricerca di persone a cui piace scrivere e girare Genova e la Liguria in cerca di nuovi spunti. Ma anche fotografi freelance, persone capaci di cogliere l’attimo.

Cosa aspetti, scrivimi a lamiagenova17@gmail.com e ti risponderemo il prima possibile

Ambra Rovida

Ambra, genovese e admin di La Mia Genova dal 2017, da quando con Alessandra ha deciso di cominciare questa avventura. Appassionata di viaggi e di cucina, ha vissuto a Firenze e a Orlando ma è da sempre innamorata di Genova e della Liguria, dove rimane il suo cuore. Adora scoprire (e riscoprire) tradizioni, culture, ricette e luoghi sempre diversi, per poi condividerle con il resto del mondo. Per renderla felice le basta poco: una passeggiata nel bosco, il profumo del mare, il calore del sole autunnale, i colori della natura, un piatto di trenette al pesto con un calice di vino bianco.
Instagram: ambers.diaries

Alessandra Penco

Alessandra, insieme ad Ambra, ha creato nel 2017 la pagina Ig LAMIAGENOVA. La passione per la fotografia e l’amore per la sua città l’ha portata a creare un blog dove far conoscere la bellezza della Liguria, i suoi palazzi e le sue creuze strette.

Margherita Garibaldi

Margherita, genovese e innamorata della sua città, si occupa di restauro artistico, un amore per questa disciplina che l’accompagna da molti anni. Ha altre grandi passioni come quelle per i viaggi, la moda e il buon cibo.
Ha iniziato il suo percorso sul web e digital content nel 2012 aprendo un sito riguardante il mondo del fashion. Dopo alcuni anni ha pero voluto cambiare rotta e dedicarsi maggiormente ai viaggi e alle recensioni di ristoranti, partendo dallo street food, trattorie e stellati.
La curiosità è una delle sue caratteristiche, conoscere e scoprire posti nuovi in giro per l’Italia e per il Mondo le riempie il cuore come nessun’altra cosa, la completa e allo stesso tempo le arricchisce l’anima.
Se volete potete seguirla sul mio profilo Instagram dove troverete vari spunti su viaggi, Hotel e ristoranti
Margherita Garibaldi : @margherita_garibaldi