Il lago delle Lame: uno spettacolo in ogni Stagione.

Il lago delle Lame  è all’interno della foresta delle Lame, sulle pendici del monte Aiona. È ubicato nel territorio comunale di Rezzoaglio, nella città metropolitana di Genova. Si trova a 1048 metri di altitudine sul livello del mare, ed è profondo al centro circa 8 m. E’ uno dei pochi laghi glaciali della Liguria. A seconda della stagione in cui ci si trova il lago cambia colore.

Le stagioni più suggestive per visitarlo sono l’Autunno e l’Inverno; in Autunno, le sue acque  si colorano di un verde acqua accesso e gli alberi si tingono dei tipici colori autunnali; un vero e proprio spettacolo. In inverno il lago diventa uno specchio di ghiaccio il suo colore tende al blu scuro intenso e gli alberi intorno si imbiancano proprio come in un paesino d’alta montagna, ma siamo in Liguria!

E’ situato nel parco naturale regionale dell’Aveto, questo parco è una vera e propria sorpresa, se siete fortunati infatti, potreste vedere I Cavalli Selvaggi dell’Aveto. Questi cavalli sono ad oggi gli unici veri cavalli selvaggi in Italia: discendono da cavalli domestici che sono stati abbandonati all’interno del Parco Naturale Regionale dell’Aveto, questi animali si sono adattati a vivere in completa autonomia. 

Lago delle Lame nel Parco dell’Aveto: come arrivare in macchina

Arrivando in autostrada fino a Chiavari, si deve uscire e imboccare la strada statale 225 fino a Carasco, dove si va a destra sulla strada statale 586 che sale al passo della Forcella e entra nella val d’Aveto. Giunti a Rezzoaglio, occorregirare a destra lungo la strada statale 654 per Santo Stefano d’Aveto, ma subito dopo il paese di Magnasco si deve girare a destra lungo la stradina a curve che conduce al lago (deviazione indicata prima della curva).

Il lago si può raggiungere in macchina, ma attenzione, la strada potrebbe essere chiusa ai non residenti ( come era successo a noi) quindi consiglio di calcolare 1 ora  di camminata ( andata e ritorno) per raggiungere il lago. 

Le calette nascoste di Lerici, la perla del Golfo dei Poeti.

Caletta di ponente – Caletta di Lerici

Lerici è un affascinante comune della provincia di La Spezia, sorge al centro di un’insenatura naturale e per questo le sue spiagge sono per lo più calette. 

La caletta più suggestiva è sicuramente quella di Maramozza.

Questa caletta si divide in due; quella di levante e quella di ponente, chiamata anche caletta di Lerici. 

La Caletta di Levante è una piccola ma splendida spiaggetta non facile da raggiungere, ma la fatica verrà ripagata dal panorama. 

Come arrivarci: Parcheggiate vicino all’Eco del Mare e dirigetevi a piedi verso Lerici, dopo circa 500 mt, troverete a sinistra alcuni posti auto per residenti di colore giallo, qui si trova uno specchio stradale  da dove parte un sentierino parecchio ripido e scivoloso, che scende tra i rovi e si infila nella boscaglia. Per quasi tutto il sentiero è presente una corda fissata al terreno per agevolare il percorso. In 10 minuti circa si raggiunge l’incantevole caletta.

Tempo: 10 minuti

Sole: solo nel pomeriggio 

Consigli: No infradito. 

La Caletta di Ponente è forse più bella e più particolare rispetto alla Caletta di Levante. 

Come arrivarci: superato il sentiero per la Cala Maramozza di Levante si prosegue ancora lungo la provinciale per alcune centinaia di metri, finché alla vostra sinistra non troverete due pilastri di una casa rosa con il numero civico 5, subito dopo, sempre sulla sinistra inizia una stretta scalinata da percorrere fino alla spiaggetta. 

Questa caletta caratterizzata da uno scoglio squadrato proprio in mezzo all’acqua cristallina riporta alla mente paesaggi tropicali. 

Tempo: 10 minuti 

Sole: da mezzogiorno in poi

Consigli: macchina fotografica subacquea per fotografare le grotte.